PIANO DI SORRENTO: BANDIERA BLU 2018

«C’è ancora tanto da fare». Vincenzo Iaccarino rilancia dopo che a Piano di Sorrento è stata assegnata la Bandiera blu. Un riconoscimento importante giunto dopo anni di lotta per l’ambiente, passati a chiedere fondi per la bonifica dei valloni e la separazione delle fogne.

Ma il sindaco è consapevole che il risultato appena raggiunto non può rappresentare un punto di arrivo. «Inizia una vera e propria sfida che coinvolge l’intera comunità di Piano di Sorrento in quanto sono numerose e impegnative le azioni da porre in essere da parte di tutti: pubblica amministrazione e privati – è la premessa del sindaco – Questo per garantire il rispetto dei parametri di valutazione e quindi dei requisiti grazie ai quali abbiamo ottenuto questo prestigioso riconoscimento che proietta Piano di Sorrento in una dimensione nuova: quella di città turistico-balneare d’eccellenza.

Siamo una delle 175 località italiane che hanno il diritto di fregiarsi di questo titolo e ciò rappresenta una grande opportunità anche per l’economia locale e per gli operatori turistici in particolare. I benefici che ne possiamo ricavare sono a cascata per la nostra città e per il suo valore in generale. Ciò ci consente di operare un importante passo avanti sulla strada della ricerca di una sempre maggiore qualità della vita».


Criteri internazionali per le spiagge

Legenda: (I) = criteri imperativi (G) = criteri suggeriti

Una spiaggia può ottenere la Bandiera Blu se è ufficialmente designata come area di balneazione a livello nazionale (o internazionale) con almeno un punto di campionamento per le analisi delle acque di balneazione. Il nome e i confini della spiaggia seguono quelli ufficiali nazionali. La spiaggia deve avere i servizi necessari e gli standard in conformità ai criteri Bandiera Blu e rispondere a tutti i requisiti indicati con la lettera I (imperativi) e possibilmente al maggior numero dei requisiti indicati con la lettera G (guida). In ogni località Bandiera Blu, dovrà essere individuato un referente, per trattare le questioni concernenti il Programma. La spiaggia deve essere accessibile per un’ispezione non annunciata da parte della FEE.

EDUCAZIONE AMBIENTALE E INFORMAZIONE

  • Informazioni sul Programma Bandiera Blu ed altri eco-label FEE devono essere affisse (I)
  • Un minimo di 5 attività di educazione ambientale devono essere offerte ogni anno. Attività di educazione ambientale devono essere offerte e promosse ai bagnanti (I)
  • Informazioni sulla qualità delle acque di balneazione devono essere affisse (I)
  • Informazioni relative a ecosistemi locali, elementi naturali e siti culturali devono essere affisse (I)
  • Mappa della spiaggia, con indicazione dei servizi, deve essere affissa (I)
  • Codice di condotta relativo alla normativa vigente sull’uso della spiaggia e delle aree circostanti deve essere affisso (I)

QUALITA’ DELLE ACQUE

  • La spiaggia deve rispettare pienamente i requisiti di campionamento e frequenza relativamente alla qualità delle acque di balneazione (I)
  • La spiaggia deve rispettare pienamente gli standard ed i requisiti di analisi relativamente alla qualità delle acque di balneazione (I)
  • Conformità alle Direttive sul trattamento delle acque reflue e sulla qualità delle acque di scarico. Nessuno scarico di acque reflue (urbane o industriali) deve interessare l’area della spiaggia (I)
  • La spiaggia deve rispettare i requisiti di Bandiera Blu per i parametri microbiologici relativamente a Escherichia coli (Coliformi fecali) e agli Enterococchi intestinali (Streptococchi) (I)
  • La spiaggia deve rispettare i requisiti di Bandiera Blu per parametri fisici e chimici (oli e materiale galleggiante) (I)

GESTIONE AMBIENTALE

  • L’Autorità Locale / Operatore balneare dovrebbero istituire un Comitato di gestione della spiaggia (G)
  • L’Autorità Locale / Operatore balneare devono rispettare tutte le normative relative alla ubicazione e al funzionamento della spiaggia (I)
  • Le aree sensibili vicino ad una spiaggia Bandiera Blu devono essere gestite per garantire la conservazione e la biodiversità degli ecosistemi marini (I)
  • La spiaggia deve essere pulita (I)
  • Vegetazione algale o detriti naturali devono essere lasciati sulla spiaggia (I)
  • Sulla spiaggia devono essere disponibili cestini per i rifiuti in numero adeguato che devono essere regolarmente mantenuti in ordine (I)
  • Sulla spiaggia devono essere disponibili contenitori distinti per la raccolta differenziata (I)
  • Sulla spiaggia deve essere presente un adeguato numero di servizi igienici o spogliatoi (I)
  • I servizi igienici o spogliatoi devono essere mantenuti puliti (I)
  • I servizi igienici o spogliatoi devono avere lo smaltimento controllato delle acque reflue. Le acque di scarico devono essere allacciate al sistema fognario o recapitate in contenitori a tenuta stagna da svuotare in maniera appropriata (I)
  • Sulla spiaggia deve essere fatto rispettare il divieto di campeggio, di circolazione ad autoveicoli o motoveicoli e deve essere proibito ogni tipo di discarica (I)
  • L’accesso in spiaggia di cani e di altri animali domestici deve essere strettamente controllato (I)
  • Tutti gli edifici e le attrezzature della spiaggia devono essere mantenuti in buono stato (I)
  • Gli habitat marini e lacustri (come la barriera corallina o le praterie di posidonia) presenti in prossimità della spiaggia devono essere monitorati (I)
  • Mezzi di trasporto sostenibili devono essere promossi nell’area circostante la spiaggia (G)

SERVIZI E SICUREZZA

  • Un numero adeguato di personale di salvataggio e/o attrezzature di salvataggio deve essere disponibile sulla spiaggia (I)
  • L’equipaggiamento di primo soccorso deve essere disponibile sulla spiaggia (I)
  • Piani di emergenza per i casi di inquinamento o rischio per la sicurezza ambientale devono essere predisposti (I)
  • Deve essere prevista la gestione di diverse utenze e differenti usi della spiaggia in modo tale da prevenire conflitti e incidenti (I)
  • Misure di sicurezza per la tutela dei bagnanti devono essere attuate e deve essere garantito libero accesso al pubblico (I)
  • Una fonte di acqua potabile deve essere disponibile sulla spiaggia (G)
  • Almeno una spiaggia Bandiera Blu per ogni Comune deve avere accesso e servizi per disabili fisici (I)